Dry Tube Fly - Doppio Inganno Stampa
Scritto da Agostino Roncallo   
Lunedì 14 Dicembre 2015 09:00

Vuoi lasciare un commento o porre una domanda all'autore? Clicca qui

Clicca le foto per ingrandirle



Dry Tube Fly - Doppio Inganno


Periodicamente, da diversi anni, posto su Facebook un particolare tipo di imitazione che chiamai "Doppio Inganno" perché, su un unico amo, costruisco due mosche; una secca ed una ninfa.

Recentemente diversi fly tiers, Italiani e stranieri, si sono cimentati a costruire loro interpretazioni del mio montaggio, con alterni risultati. Alcuni non hanno capito che l’imitazione della ninfa deve essere costruita con il solo torace sull’amo, il corpo deve essere montato extended per lasciare nudo il gambo. Coloro che hanno costruito l’intera ninfa sul gambo dell’amo sono giunti, in alcuni casi, a una distanza di pochi millimetri dalla mosca secca, mentre ci deve essere uno stacco fra le due imitazioni in modo che siano ben visibili al pesce.

Comunque, poiché mi sembra che questo concetto di costruzione stia diventando di moda, colgo l’occasione per proporre un’evoluzione del montaggio che avevo accantonato con l’intenzione di inserirla in un nuovo libro sulla costruzione delle mosche artificiali a cui sto lavorando.

Nel libro “Le Mosche A Modo Mio”, che trovate disponibile su questo sito e potete acquistare in versione cartacea o scaricare gratis in quella digitale, proposi il montaggio Dry Tube Fly, cioè la versione secca delle mosche che i pescatori del Nord Europa costruiscono su tubetti.

Costruii queste mosche per le ragioni che elenco senza un ordine preciso: nei tubetti si possono inserire anche ami privi di occhiello. Se l’amo si spunta non si getta la mosca, si sostituisce l’amo. Nel caso che il pesce venga agganciato all’interno della bocca, si sfila la mosca e si agisce sull’amo nudo cosa che facilita e velocizza la liberazione del pesce, che subisce meno stress. La mosca può anche essere usata come segnalatore per pescare con una ninfa appesantita, basta far passare il filo dentro al tubetto, legare la ninfa all’estremità e stabilire la profondità a cui dovrà arrivare infilando una piccola astina nel tubetto, come si fa con i galleggianti.

Venendo al montaggio Doppio Inganno, sapendo che costruire due imitazioni su un amo è laborioso per via del ridotto spazio a disposizione, pensai di semplificare il procedimento costruendo sull’amo solo la ninfa e di usare come mosca secca una Dry tube fly. Questo assemblaggio presenta diversi vantaggi:

- Se l’amo con la ninfa si rovina, si sostituisce con un altro.
- Lo stacco fra la mosca secca e la ninfa è evidente.
- Un amo con relativa ninfa può essere inserito in mosche con caratteristiche diverse. Ad esempio, con acque mosse si inserisce in mosche ricche di hackles, in acque lente in mosche esili.
- Non è necessario usare ami con particolari caratteristiche, io utilizzo gli ami della serie 240 di Garue.

C’è anche da considerare un dettaglio di ordine pratico: le comuni scatole per le mosche non sono adatte a contenere le Doppio Inganno perchè le mosche sono voluminose. Le Dry tube fly invece occupano meno spazio e gli ami con le ninfe possono essere contenuti in buon numero in un solo scomparto della scatola.

In merito al montaggio della ninfa, è opportuno costruire il corpo extended con materiali soffici per non ostacolare l’abboccata del pesce. Io uso il puff intorno al quale avvolgo,a spire larghe, il filo di montaggio, prima in un senso e poi in quello contrario, in modo da incrociare le spire oppure ritorcendo le barbe su loro stesse, operazione che richiede maggiore manualità.
 


Dressing.

1. Strappo un ciuffetto di barbe da un puff d’anatra.

 

 
 
2. Ritorco le barbe ottenendo un corpo che fisso sulla curva di un amo grub.

   
3. Accanto al corpo extended fisso un ciuffetto di barbe chiare di puff.

   
4. Nello stesso punto, fisso tre herls di pavone.

   
5. Ritorco le herls, le avvolgo intorno all’amo. le fisso e taglio le eccedenza.

   
6. Rovescione barbe di puff sul torace ottenuto con le herls di pavone e le fisso sul gambo dell’amo.

   
7. Faccio il nodo di chiusura del montaggio.

   
8. Accorcio il ciuffetto di barbe di puff.

   
9. La ninfa è finita.




 Ecco alcune varianti della Dry Tube Fly - Doppio Inganno.




Copyright © Agostino Roncallo

Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Dicembre 2015 12:57